Stra (Venezia)

Villa Foscarini Rossi

Lungo le rive del fiume Brenta nella località di Strà, troviamo la Villa Foscarini-Rossi. Fu questa la residenza di Marco Foscarini, procuratore di Venezia e futuro doge, amico del famoso scrittore Gaspare Gozzi autore della celebre storia della principessa Turandot poi musicata da Giacomo Puccini. La famiglia Foscarini chiamò i migliori ed illustri architetti, come Vincenzo Scamozzi, Francesco Contini, Giuseppe Jappelli, pittori e decoratori come Pietro Liberi e Domenico De Bruni, a cui, fu affidato il compito di edificare e decorare la Villa. Primordialmente il cognome dei Foscarini era Cobeschini ed erano provenienti da Padova si stabilirono ad Altino e, nell’867 arrivarono definitivamente a Venezia. Qui costruirono i loro palazzi, realizzando anche parte della chiesa di S. Eustachio “San Stae” nel sestiere di Santa Croce. All’interno della chiesa, degli altari e delle pale sono state dedicate in onore a Girilamo e Sebastiano Foscarini. I Foscarini arricchirono la biblioteca Marciana di importanti manoscritti di storia letterata e di descrizioni storiche, riguardanti lo Stato della Repubblica di Venezia. Verso la fine del XVI° sec. , iniziarono i lavori per la costruzione della Villa. Il complesso sembra essere stato edificato da Vincenzo Scamozzi che trasse ispirazione da progetti di Andrea Palladio, ma la veste attuale si deve a un rimaneggiamento, in periodo neoclassico, di Giuseppe Jappelli. Nella Barchessa, nel 1652, in occasione delle nozze di G.B. Foscarini fu realizzata la caleidoscopica decorazione del salone. Le straordinarie quadrature si devono al bresciano Domenico Bruni (1591-1666) che, soddisfatto del proprio lavoro, sul cornicione ha apposto la sua inequivocabile firma. Per gli affreschi sono invece stati fatti i nomi di Pietro Ricci e Sebastiano Mazzoni, anche se l’attribuzione più affidabile sembra essere quella a Pietro Liberi. Tra ricche colonne e spettacolari squarci architettonici che circondano le scenografie barocche di handeliana e vivaldiana memoria, sono rappresentate le allegorie della Guerra, della Pace, delle Arti e delle Scienze, mentre il Tempo, il Genio e la Fama sovrastano lo spettatore dal soffitto. Il salone della Barchessa caratterizzato da un’eccezionale acustica ospita spesso concerti e ricevimenti, mentre nella Villa è possibile visitare il museo della calzatura, ricercato oggetto della moda e simbolo dell’artigianato rivierasco. Di notevole interesse artistico è la Foresteria con il suo porticato e le sue sette grandiose arcate con la soffittatura Sansovina, utilizzata per lo svolgimento di congressi, meeting, ricevimenti, concerti ed esposizioni. Il corpo centrale viene adibito alle feste.Nella Mansarda della Foresteria si possono ammirare delle possenti capriate, con dei bellissimo finestroni ovoidali, anche questo luogo offre uno spazio per dei convegni.


Visita, visitare, orari, Villa Foscarini Rossi - Ville Venete - Riviera del Brenta